La Riviera del Brenta

La Riviera del Brenta è un’area urbana della provincia di Venezia che s’estende lungo le rive del Naviglio del Brenta. La riviera è l’antico letto naturale del fiume Brenta: si snoda da quest’ultimo all’altezza di Stra e, scorrendo da ovest a est, sfocia nella laguna di Venezia.

Si tratta d’una zona d’elevato valore storico-paesaggistico grazie alla presenza di numerose ville venete. Inoltre, vi sono compresi i centri abitati di Stra, Fiesso d’Artico, Dolo, Vigonovo, Mira, Oriago e Malcontenta.

Il corso d’acqua del Naviglio rivestì un ruolo importante come via di comunicazione tra la laguna di Venezia e la zona padovana.

L’area è caratterizzata dalla presenza di moltissime ville, costruite tra il XVI e il XVIII secolo dalle famiglie patrizie veneziane. A quell’epoca la Riviera veniva raggiunta solamente grazie all’uso della barca.

I nobili veneti venivano trasportati sul fiume da un battello chiamato Burchiello trainato dalle rive da uomini, buoi o cavalli. Le merci, invece, erano trasportate da barche chiamate Burci.

La villa veneta è una residenza patrizia sviluppatasi nelle aree agricole dei Domini di Terraferma tra la fine del XV secolo e il XIX secolo. In quest arco temporale, furono realizzate più di cinquemila ville venete; la zona attualmente interessata dalla presenza di questi edifici è l’intera Regione Veneto, in particolare la Riviera del Brenta.

Nel XVI secolo, con l’architetto Andrea Palladio, si formò uno specifico tipo di villa veneta, individuato con il nome di villa palladiana, ragion per cui le ville palladiane del Veneto sono state inserite nell’elenco dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Il Brenta è uno dei maggiori fiumi che interessano la laguna di Venezia. Nel suo ultimo tratto, può essere distinto in tre tronchi: da Stra alla chiusa di Dolo; da qui alle chiuse di Mira Porte, e infine da Mira a Fusina, in Laguna. I primi due tratti sono noti col nome di Riviera del Brenta, via d’acqua oggi di eccezionale valore turistico per la serie straordinaria di ville venete che vi si affacciano.

Commenti chiusi